Banksy acquista l’opera di Eron “Boat with flowers”

Banksy, artista inglese tra dei più famosi esponenti al mondo della street art (la sua identità e ancora un mistero), autore di opere conosciutissime e balzato agli onori della cronaca ultimamente per la celebre vendita di un’opera distrutta la momento della conclusione dell’asta, questa estate ha acquistato un “gioiello” di Eron, all’anagrafe Davide Salvadei, santarcangiolese di adozione e autore di numerose opere sparse per la città, dagli omaggi al poesta Baldini (sulla facciata del Teatro Lavatoio), della poetessa Rocchi (sui muri dell’Arena SuperCinema) e del famoso Tower to the People… nonchè vincitore dell’Arcangelo d’oro 2016.

Le opere dell’artista romagnolo affrontano spesso temi politici e sociali e forse proprio per questo la tela più importante della rassegna è stata acquistata quasi subito dal manager della società di Banksy. Il titolo: «Boat with flowers». Quest’opera, dipinta a spray su tela, racconta il dramma dei migranti che attraversano il mare, si fondono ancora una volta disegno infantile e realismo pittorico.

L’artista riminese, ma santarcangiolese di adozione, era stato protagonista di un gesto “di cuore” qualche mese fa: al momento della realizzazione del nuovo reparto Covid all’ospedale Infermi di Rimini, Eron era stato contattato per l’acquisto di una delle sue opere da esporre nel reparto, l’artista, invece, ha scelto di regalare una delle sue ultime creazioni, in segno di gratitudine per il lavoro che svolgono tutti i giorni gli operatori sanitari e chi nelle settimane cruciali del Covid ha lavorato giorno e notte per completare il nuovo reparto in tempi record. L’opera, dal titolo “Follow 4620”, è dipinta a spray su una tela di circa un metro per due, e appartiene alla serie di quadri con il sole a forma di cuore a cui l’artista sta lavorando da qualche anno.

Sostieni i Negozi e le Attività di Santarcangelo:

Prodotti in evidenza

On Key

Related Posts

Rivogliamo la nostra Santarcangelo?

Dal marzo scorso, e in questi giorni ancor di più, ci stiamo domandando quando, e se, torneremo mai alla “normalità”; quando potremmo tornare a vivere